Carta di Smith

Generalità

La carta di Smith é uno strumento molto usato per risolvere tutti i problemi di adattamento delle linee a radiofrequenza.

La carta di SMITH è un diagramma circolare, costituito da due serie di circonferenze che si intersecano e che consentono di determinare l'impedenza, o più spesso, l'ammettenza, nelle sue due componenti reale ed immaginaria, della linea in ogni suo punto.

Si può, di conseguenza, scegliere il punto adatto lungo la linea, per inserire lo stub in grado di compensare la parte reattiva, indesiderata, del carico e permettere al generatore di vederne solo la parte resistiva e non dare, di conseguenza, onde riflesse indesiderate.

Si può adattare un carico anche se è soltanto resistivo, ma di valore diverso da quello della linea.

E' possibile adattare anche con l'uso di due diversi stub posti però a distanze dal carico opportunamente calcolate.

E' possibile, con la carta, calcolare anche la lunghezza che devono avere i singoli stub da inserire caso per caso.

Con la carta si calcola anche il coefficiente di riflessione ρ sul carico ed in ogni punto della linea, si rileva anche il ROS in ogni punto della linea ed anche del carico.

Con la carta si converte, a vista, un'impedenza nella corrispondente ammettenza.
Si può tracciare il diagramma d’onda stazionaria determinando sia il ROS, sia la posizione dei massimi e dei minimi rispetto al carico.

La carta di Smith può essere usata, sia lavorando con le impedenze, che con le ammettenze.

In ogni caso, tutte le grandezze sono normalizzate, cioè sono espresse come rapporto fra l'impedenza di carico e la resistenza caratteristica della linea, oppure come rapporto fra l'ammettenza di carico e l'ammettenza caratteristica della linea.

Non ci sono dunque, né valori in Ohm né in Siemens, ma solo numeri puri.

Anche le lunghezze, rappresentate da rotazioni angolari attorno al centro, sono normalizzate, non espresse in metri, ma misurate in parti di λ.

Continua:

Argomenti